I bicchieri per la Birra

II bicchiere in cui va servita la birra, come per tutte le bevande, ha una notevole importanza ai fini della degustazione. In particolare, nel caso delle birre, il bicchiere ha il compito di dare piena evidenza alla schiuma che protegge la bevanda dal contatto con l’aria. Per ottenere una schiuma densa e di sufficiente spessore occorre versare la birra in un bicchiere bagnato e tenuto leggermente inclinato.

 

La scelta della forma del contenitore di servizio dipende dal tipo di birra. Quelle a bassa fermentazione sono caratterizzate da un profumo più delicato e vanno servite fresche; il bicchiere ideale è alto e stretto per limitare la superficie esposta al contatto con l’aria.

Quelle ad alta fermentazione vanno invece servite in un bicchiere con il bordo superiore leggermente svasato. È il caso di birre doppio malto e strong ale, che non a caso esigono calici capienti e panciuti, mentre i prodotti più impegnativi, come le birre d’abbazia belghe, vanno addirittura servite in spesse coppe di vetro. Ci sono poi casi in cui anche le birre ad alta fermentazione, come quelle ottenute da grano, sono gustate al meglio in un bicchiere lungo e slanciato.

Alcuni dei principali bicchieri per servire la Birra

Altglas (1): vetro sottile e forma cilindrica, per dare il giusto equilibrio alla schiuma. Adatto alle birre Alt.

Balloon (2): ha una superficie ampia per favorire lo scambio termico e la forma a chiudere per esaltare la schiuma. Indicato per le birre corpose e robuste come le doppio malto e le Strong Ale.

Boccale (3): il vetro spesso conserva la temperatura mentre la superficie liscia evidenzia lo scarso perlage. Adatto alle birre Ales, soprattutto alle Pale Ales.

Boccale tedesco – mass (4):il vetro è spesso per conservare la freschezza e lavorato per valorizzare il perlage, mentre la forma cilindrica dà un effetto neutro sulla schiuma. Nato per le Märzen e per le Export è considerato il bicchiere universale.

Calice a chiudere (5): la forma che si restringe verso l’alto alza la schiuma senza farla traboccare; il vetro sottile e liscio favorisce la formazione di condensa. Adatto alle delicate Lager e alle Pils.

 

Calice a tulipano (6): di forma svasata esalta il profumo della birra. Valorizza le birre aromatiche come le Belghe d’Abbazia ma è adatto anche per le Pilsner.

Bicchiere biconico (7): la forma, allargata al centro, si restringe sulla bocca. Per le Pils Belghe e per quanti vogliono togliere la schiuma con la spatola.

Bicchiere conico (8): la forma conica controlla la schiuma. Indicato per le profumate birre danesi.

Coppa (9): la forma leggermente emisferica abbassa la schiuma ed esalta il profumo. Per birre aromatiche come le Belghe d’Abbazia.

Pinta (10): la particolare forma a cono e la dilatazione in prossimità dell’orlo valorizzano la “cream” delle birre Stout.

 

Stivale (11): è il bicchiere dell’iniziazione alle confraternite studentesche in Germania. E´ infatti un bicchiere difficile da utilizzare per gli inesperti.

Weizenbecher (12): è un bicchiere da mezzo litro che si allarga nella parte terminale per controllare l’abbondante schiuma delle birre di grano, le Weizen e Weissbiere.

Flûte (13): forma essenziale adatta a birre secche di schiuma abbondante come le Pils.

Kölschglas (14): cilindrico e sottile è il bicchiere più semplice.