Lattina: lo scrigno prezioso del liquido d’oro!

La lattina è un contenitore molto diffuso per la conservazione e commercializzazione della birra, che ha compiuto oltre duecento compleanni!
La nascita della lattina per uo alimentare risale alle necessità belliche, in particolare si diffuse al seguito dell’esercito di Napoleone Bonaparte, in seguito alla messa a punto dei sistemi di sterilizzazione del contenuto.
Nicolas Appert, cuoco ed inventore francese, fu il primo a mettere a punto il contenitore, proprio per ottimizzare le preparazioni alimentari a lunga conservazione. Il brevetto, però fu registrato attorno al 1810 dall’inglese Peter Durand.

 

Pubblicità
Pubblicità

La lattina “da bucare”.

I primi modelli di lattina per birra erano “da bucare”, ovvero senza alcun sistema specifico di apertura!
L’impiego per la conservazione della birra si sviluppò grandemente negli anni ’30 grazie alla Continental Can Company, azienda americana, che inventò il “cone – top”: una versione da stappare, la cui sommità si allungava a cono ed in cima, era chiusa da un tappo a vite.

Esemplare di lattina cone-top.

Nel dopoguerra, più precisamente dagli anni Sessanta si diffuse la lattina flat, molto simile a quella odierna, ma che necessitava ancora di apriscatole. Il tappo ad anello fu ideato agli inizi degli anni ’70: la prima versione, a strappo, aveva il difetto di facili schizzi al momento della stappatura. Oggi il sistema di apertura in uso è quello a pressione, che garantisce perfetta tenuta e facile apertura, senza troppi inconvenienti!

Pubblicità